Dovreste esser colpiti da una Frecciarossa dopo aver penalizzato il Salento

LECCE- Chiariamo innanzitutto il motivo per cui ci viene fatta l’elemosina del Frecciarossa nel week end. Ritorna nel Salento non certo per la mobilitazione dei nostri rappresentanti ma per la presa di coscienza dei cittadini che, sottoscrivendo la raccolta di firme del Nuovo Quotidiano di Puglia, avallano la politica per il territorio della decennale storia delle battaglie di Telerama guardata con sospetto da politicanti incapaci di reagire e difenderci. Solo dopo, deputati senatori e consiglieri regionali di ogni colore, hanno capito e tentato di intestarsi una riappropriazione ferroviaria. È questa la verità così come è ancor più vero che nel 2007 tutti dormirono quando la Puglia fu isolata ed i Frecciarossa per Bari e per LECCE sottratti ai territori. Ma a questo si aggiunge la più ampia responsabilità di chi nel 2010 ha avallato il Piano dei Trasporti del Governo Vendola privandoci non del treno rosso ma addirittura dell’alta velocità che avrebbe realmente garantito una moderna celerità dei collegamenti tra nord e sud. Anche in quell’occasione Telerama condusse una battaglia tanto da indurre l’ex governatore a chiamarci pubblicamente “Teletrama” e continuare la sua lotta non per il territorio ma contro noi.

Oggi i risultati li abbiamo tutti sotto gli occhi, isolamento ed arretramento. Un treno più bello, ma solo nel week end, ma non veloce se non perché non effettua alcune fermate tra Milano e Lecce e viceversa. Ancor più drammatico dello scellerato Piano dei trasporti la totale assenza di una battaglia di chi sedeva in Consiglio Regionale, in Parlamento e nel sotto governo italiano per conto di una regione e dei territori del Salento. Ora dal Frecciarossa part time cerchiamo di ripristinare le condizioni per l’intera settimana ed iniziare una lotta che riapra le condizioni per l’alta velocità altrimenti i salentini, ed i pugliesi, sapranno come , e dove, indirizzarvi le frecce, rosse o bianche che siano…

Cordialmente Giuseppe Vernaleone

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*