Padalino in pole per la panchina del Lecce

LECCE- Il Lecce vicino a Pasquale Padalino. L’ex tecnico del Matera sembra avere, in questo momento, le chances maggiori per sedere, il prossimo anno, sulla panchina giallorossa. Sarebbe un ritorno a Lecce dopo aver indossato la maglia giallorossa nella stagione 1993-1994, in serie A.
Il tecnico foggiano, reduce nell’ultima stagione dall’esperienza di Matera potrebbe convincere il nuovo direttore sportivo giallorosso. L’annuncio ufficiale potrebbe essere dato nelle prossime ore oppure sabato mattina nel corso della presentazione ufficiale del direttore sportivo Meluso programmata per le ore 10,30 al Via del mare.

Meluso, comunque, valuta anche Vincenzo Vivarini, per il quale si è appena chiusa l’esperienza di Teramo. A Vivarini si era anche interessato il Lugano. Il club svizzero aveva pensato al tecnico abruzzese per sostituire Zdenek Zeman, ma l’ex allenatore del Teramo ha declinato la proposta del Lugano. Per lui resta in piedi anche l’ipotesi Latina, in serie B.

Meluso prende in considerazione anche l’ipotesi di una riconferma di Piero Braglia sulla panchina del Lecce. Con il tecnico toscano Meluso ha già lavorato. E sono bei ricordi quelli che legano il nuovo diesse giallorosso a Braglia ingaggiato a Lecce dall’ex Trinchera per sostituire, lo scorso ottobre, Tonino Asta. In questo caso, la dirigenza leccese conosce bene l’operato di Braglia, durato sette mesi, con la squadra giallorossa che era giunta a un solo punto dalla capolista Benevento grazie ai diciotto risultati utili consecutivi. Una gestione, i cui numeri sono appena andati in archivio.

Per l’ex direttore sportivo del Cosenza sono ore importanti, insomma. Non è da scartare neppure l’ipotesi di affidare la panchina a Fabio Brini. Il tecnico marchigiano ha centrato la promozione in serie B con il Carpi nella stagione 2012 -2013 quando, attraverso i play off, ebbe la meglio, nella doppia finale, sul Lecce di Gustinetti. Un sondaggio è stato fatto anche per Luca Prina, 51 anni, nell’ultima stagione a Mantova, ma artefice della storica promozione in serie B della Virtus Entella nel campionato 2013-2014.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*