Nautico Gallipoli, la lotta della Provincia continua. L’opposizione rimprovera il perso tempo

GALLIPOLI- La lotta continua: stiamo parlando di quella intrapresa dalla Provincia, per riappropriarsi dei 12 milioni di euro destinati al recupero dell’istituto Nautico di Gallipoli. Il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone illustra le iniziative politiche, istituzionali e giudiziare che la Provincia attuerà per cercare di recuperare il finanziamento perso in extremis. Il Miur infatti, cioè il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca aveva assegnato alla Regione Puglia fondi pari ad €.21.633.515,50 per la costruzione di scuole innovative e moderne. In graduatoria è risultato primo il comune di Bari con 164 punti e seconda la Provincia di Lecce con 162 per il recupero del Nautico di Gallipoli, l’unico in provincia di Lecce. Ma il progetto di Bari, prima approvato per 9.500.000 di euro, è stato poi modificato in un secondo tempo fino ad arrivare ad un budget di €.18.000.000, con l’inserimento di altre modifiche ritenute urgenti e della costruzione ex novo di un’altra scuola e rimanendo così per la ristrutturazione del Nautico solo 3 milioni di euro. Assolutamente insufficienti, tanto che non verranno elargiti e la Provincia di Lecce è rimasta dunque esclusa. Da qui  il ricorso al Tar e la richiesta di aiuto alla Regione.

Alle accuse del consigliere provinciale Danilo Scorrano della Lista Salento Bene Comune di essersi la Provincia mossa tardi e di avere dunque dei dubbi sull’effettiva volontà di trovare soluzioni concrete, visto che non ci sarebbe stata risposte alle 3 interrogazioni presentate per spronare l’amministrazione provinciale a prendere di petto il problema e a cercare soluzioni, il Presidente Gabellone risponde: “Noi abbiamo fatto e faremo sempre il possibile, ci stiamo già muovendo”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*