Morì dopo un’isteroscopia, due anni alla ginecologa

LECCE-  Perforò la parete uterina e provocò lesioni all’intestino tenue di una paziente nel corso di una isteroscopia, che poi morì, a causa di un’infezione nove mesi dopo. Questa l’accusa che ha portato la condanna a due anni di reclusione per la ginecologa Anna Maria Guacci. La sentenza è stata emessa nelle scorse ore. I fatti risalgono al 2009.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*