E’ la giornata No Triv

LECCE- A sette giorni dal voto è la domenica del No alle trivelle, l’esercito del Sì al referendum in marcia, con una presenza capillare di gazebo, bandiere, striscioni per sostenere una grande mobilitazione popolare. E’ il giorno della manifestazione di massa per raggiungere il quorum
In provincia di Lecce sono 60 i Comuni in cui si svolge il No triv day organizzato da Forza Italia. Striscioni e volantini per chiarire ai cittadini tutte le ragioni del Sì.

Ad una settimana esatta dall’appuntamento con le urne è necessario risvegliare tutti: il quesito chiede di abrogare la legge in base alla quale alle piattaforme entro le 12 miglia dalla costa si concede in automatico la proroga della concessione ad estrarre petrolio e gas, fino all’esaurimento del giacimento, che se dovesse essere confermata, rischia di infliggere un colpo mortale al nostro mare ma anche al paesaggio e al turismo.
 

“Votare Sì è necessario per tutelare il nostro mare, ma vorrà dire anche manifestare la propria volontà di mandare a casa un governo nemico dell’ambiente”.

La manifestazione svolta in contemporanea in quasi tutti i comuni della Puglia,  ha visto in campo intere comunità. Una chiamata a raccolta anche da parte del Movimento 5 Stelle, nelle piazze attivisti e gazebo per informare e sensibilizzare, a pochi giorni dal voto il principale nemico potrebbe essere l’astensionismo.

Dalle piazze fino alla costa, a Porto Cesareo flash mob sulla spiaggia del primo ponte organizzato dalla rete locale di associazioni ambientaliste: una coreografia vera e propria che sarà la base per lo spot nazionale anti trivelle di Legambiente

foto flashmob
Foto di Emiliano Peluso

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*