Falso prete arrestato per abusi su minori: ora è in carcere

SAN PIETRO VERNOTICO- E’ stato portato in carcere Angelo Chiriatti, 62enne leccese, meglio conosciuto come “padre pietro”, il falso prete accusato di violenza sessuale su minori.  La Corte di Appello di Bari ha emesso un provvedimento restrittivo nei confronti dell’uomo che è stato accompagnato dai carabinieri nella casa circondariale di Brindisi. Era accusato di “violenza sessuale aggravata nei confronti di minori e sostituzione di persona“. ora è stato arrestato dai carabinieri di San Pietro Vernotico.
Deve espiare la pena residua di anni 2, mesi 3 di reclusione per l’accusa di aver abusato di alcuni minori fingendosi sacerdote. Già arrestato nel 2009 per abusi su quattro fratellini e un loro cuginetto, era stato condannato a due anni e mezzo di reclusione. Il falso prete aveva fondato una sorta di camposcuola, la comunità ‘missionari di nostra signora della cava’ ad Alberobello, per accogliere in estate i bambini di famiglie indigenti.

Nel 2010 fu condannato in secondo grado dal gup del tribunale di Bari, poi aveva ottenuto gli arresti domiciliari e, in seguito, la libertà. La Cassazione aveva annullato la sentenza in appello, rinviando gli atti. tutto partì dalla segnalazione dell’assistente sociale che si occupava di alcuni bambini ospiti della comunità.  Dalle indagini emerse che i piccoli (che avevano dai 10 ai 16 anni) avrebbero subito e sarebbero stati costretti a compiere atti sessuali dal e con il finto sacerdote. Non solo: a carico di Chiriatti c’erano diversi precedenti specifici. atti di libidine violenta, truffa, usurpazione di titoli. Ora è scattato l’arresto e dovrà scontare la pena residua in una cella del carcere di Brindisi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*