Salta il tavolo sul latte, in Puglia invasione di cagliate estere

BARI- La Puglia rischia l’invasione di cagliate estere: già si raggiungono i 35mila quintali importati di semi-lavorati, poi venduti come prodotti “Made in Puglia”. Dall’esterno arrivano anche 2,7 milioni di quintali di latte, a fronte di una produzione regionale di 3,6 milioni. I dati sono stati diffusi da Coldiretti, dopo la fumata nera dal tavolo regionale convocato dalla Regione per cercare un accordo accordo remunerativo ed equo sul prezzo del latte, dopo la riduzione imposta agli allevatori da alcuni caseifici locali. Una parte della filiera lattiero – casearia ha disertato il tavolo. “Tutti coloro hanno percepito finanziamenti pubblici – denuncia Cantele – non possono tirarsi indietro”.

In soli 10 anni in Puglia hanno chiuso circa 3.800 stalle, con un crollo pari ad oltre il 58% del patrimonio zootecnico pugliese.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*