Trasferimento bloccato da Bari a Lecce, infermieri in protesta

LECCE- Per loro è il grande bluff. Sono una cinquantina gli infermieri del Policlinico di Bari, salentini, che attendono il trasferimento a Lecce, congelato all’improvviso: nella riunione tenutasi presso la Sezione regionale “Programmazione assistenza ospedaliera specialistica e accreditamento”, il 1′ marzo scorso, è stato stabilito che verranno trasferiti a Lecce 15 infermieri dalla Asl di Taranto (di cui 9 hanno già sottoscritto contratto di lavoro dal 1′ febbraio); 46 dalla Asl di Brindisi; uno da Bari; uno da Andria; uno dal Policlinico, per un totale di 64 unità, corrispondenti al numero di personale a tempo determinato da cessare, come comunicato dalla Asl il 9 febbraio.
Tutti gli altri? Via Miglietta si è impegnata a inviare, da venerdì scorso, comunicazione di sospensione della mobilità di personale a partire dalla posizione numero 220.

In mattinata, si è tenuto il presidio di fronte alla direzione generale per chiedere conto: chi infatti si trova in graduatoria dopo quella 220esima posizione è destinato a restare fuori provincia, senza nulla osta. E questo nonostante la lettera che a luglio scorso gli infermieri hanno ricevuto come vincitori di mobilità e non semplicemente in attesa di chiamata.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*