Cronaca

Inquinamento delle acque, chiesta conferma di condanna per Semeraro

LECCE- “Avvelenamento colposo della falda acquifera sottostante il cantiere dell’Università del Salento e dell’inadeguata attività di messa in sicurezza e caratterizzazione dei luoghi contaminati”, chiesta la conferma di condanna all’imprenditore leccese Giovanni Semeraro, richiamando la sentenza del 2013, quando il giudice Silvia Minerva condannò a due anni e mezzo l’imprenditore con la sospensione della pena subordinata alla bonifica integrale del terreno contaminato.
La Corte d’Appello si pronuncerà nelle prossime ore. Il difensore di Giovanni Semeraro ne ha chiesto l’assoluzione

Articoli correlati

Malore in acqua, muore 70enne brindisino

Redazione

13 enne violentata nel villaggio turistico? Indagini su un animatore

Mario Vecchio

Maltratta familiari per droga: arrestato 45enne

Redazione

Tragedia nella marina di Pulsano, 70enne muore sotto gli occhi dei bagnanti

Isabel Tramacere

Spaccio di droga: 14 arresti e 17 indagati

Andrea Contaldi

Ordigno bellico rinvenuto durante lavori in un palazzo storico

Isabel Tramacere