Ladri seriali: dopo il furto da 40mila euro, 5 rom arrestati per altro colpo

MAGLIE- Si facevano aprire la porta di casa annunciandosi come le donne che dovevano fare le pulizie, facendo leva sulla buona fede delle anziane, facendo loro abbassare difese e diffidenze raccontando delle proprie difficoltà economiche. E poi le derubavano.
Le stesse persone, più una, arrestate nei mesi scorsi per il maxi furto da 40mila euro ai danni di due sorelle di maglie, sono state colpite da una nuova ordinanza di custodia cautelare, che le ha raggiunte a Treviso, Frascati, Tivoli. Tutti di etnia Rom, quattro donne e un uomo sono stati arrestati nell’operazione “Case pulite” dei carabinieri della Compagnia di Maglie. Sono Dido Georgievic, 30 anni; Elisabetta Nikolic, 31; Michela Nikolic, 22; Ylenia Federici, 32; Laila Kostantinov, 40.

I carabinieri del nucleo operativo avevano arrestato i primi quattro a dicembre scorso, con l’accusa di aver rinchiuso in una stanza le anziane sorelle De Donno e di aver “ripulito”, ma in senso figurato, facendo razzia dei loro averi, la loro abitazione.

Il furto era avvenuto a settembre. Ma la certosina attività investigativa portata avanti dai militari, ha permesso di risalire ai movimenti della banda, attraverso i tabulati telefonici, anche dei giorni successivi. È stato così scoperto che erano in zona anche nel giorno in cui un altro colpo fu messo a segno, ad ottobre, ai danni di un’anziana. Una donna si presentò alla porta della vittima, dicendo di essere lì per sostituire la colf per le pulizie; poi, con una scusa, fece allontanare l’anziana dall’ingresso e così facendo fece entrare i complici indisturbati. Rubarono 300 euro in contanti, gioielli ed una carta bancomat. Grazie ai carabinieri, la vittima riconobbe poi Elisabetta Nikolic. Tutti gli altri accusati di essere complici erano nei paraggi.

Le trasferte della banda seguivano sempre la stessa rotta: da Roma raggiungevano Bari e, da lì, il basso salento. A caccia di anziane indifese.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*