Adescava minori su Fb e Whatsapp per incontri hot: arrestato studente universitario. Nei guai anche un tarantino

BOLOGNA/TARANTO – Tramite Facebook e Whatsapp adescava preadolescenti cercando di combinare incontri a sfondo sessuale. A finire in manette uno studente universitario 24enne di Padova, ma che vive a Bologna, impegnato nel volontariato e capo scout. Denunciato anche un suo presunto complice: si tratta di un metalmeccanico 48enne di Taranto, residente a Modena

La storia risale a qualche mese fa, ma sarebbe stata resa nota solo ora. Tutto ha avuto inizio dalla denuncia di una coppia di genitori, insospettiti dai contatti virtuali anomali che il figlio 12enne aveva con entrambi.  Anzi, proprio in un episodio, sembra che il ragazzino si sia presentato ad  un  appuntamento a Treviso, per incontrare proprio il 24enne.

Da qui l’inizio delle indagini  da parte della Polizia postale dell’Emilia Romagna, i pedinamenti e alla fine  l’arresto dello studente universitario, sottoposto all’obbligo di dimora. Denuncia invece per il tarantino, risultato già noto per  precedenti per pornografia minorile e abuso su minori.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*