Sale operatorie verso la svolta: supercoordinamento unico per abbattere liste d’attesa

LECCE-Per ridurre le liste d’attesa degli interventi chirurgici soprattutto al Fazzi, la Asl ha proposto il supercoordinamento dei due gruppi operatori e della Cardiochirurgia. La proposta è stata presentata nel pomeriggio durante il tavolo tecnico convocato alla presenza dei sindacati, del direttore sanitario Antonio Sanguedolce e del direttore del presidio Gianpiero Frassanito.
La riunione è stata convocata per dare un seguito al vertice tenutosi in Prefettura il 5 agosto scorso, su richiesta delle organizzazioni dei lavoratori, dopo l’accorpamento dei due blocchi del nosocomio cittadino per far fronte alle esigenze estive, fusione temporanea poi rimasta in piedi anche dopo.  Entro il 15 febbraio, ora, si dovrà stilare il nuovo modello, altrimenti – ed è questa la controproposta dei sindacati – si tornerà al doppio binario operatorio.

La nuova “Posizione organizzativa” dovrà dirigere le funzionalità delle tre strutture, affinché diano risposta immediata a tempi di attesa e all’aumento dell’attività operatoria.

“Noi ci stiamo – ha spiegato Giuseppe Melissano della Uil – ma abbiamo detto che la figura del super organizzatore va riempita di contenuto e dovrà interessare non solo il Fazzi ma tutta l’azienda”.

Da quest’estate, l’accorpamento ha prodotto “momenti di forza”: l’unificazione del gruppo personale con unica organizzazione del lavoro, la possibilità di avere sale attiva 12 ore, l’ottimizzazione dei protocolli per il riciclo dei rifiuti speciali, l’approvvigionamento della farmacia e dei materiali. Non c’è stata, però, appunto, la diminuzione delle liste di attesa, anche perché con l’introduzione di nuovi turni e alcuni pensionamenti e dimissioni, si è contratta l’attività degli anestesisti, tanto che, se a ottobre si è registrato qualche intervento in più, poi si è avuta una diminuzione a novembre e dicembre. Anche per questo si punta ora alla super struttura organica.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*