Vertice Pd-Emiliano, Mazzarano: “No a fibrillazioni. Maggioranza avvertita”

20102003_BARI_MICHELE_MAZZARANO_ Nella foto Michele Mazzarano ex vice coordinatore del Pd, ultimo segretario dei Ds. FOTO ANSA/ LUCA TURI

BARI- Nessuna fibrillazione, almeno in casa Pd e, anzi, gli altri partiti della maggioranza sono avvertiti: “Se l’intenzione è mettere in difficoltà il governo regionale dovranno scontrarsi con un punto fermo come il Pd”.
Il partito del governatore Emiliano si compatta al termine di una lunga riunione, convocata per mettere i paletti sulle riforme più importanti in arrivo. Il sunto del confronto lo ha fatto il capogruppo dei democratici in Regione, Michele Mazzarano che ha parlato del primo scoglio da affrontare a breve in Aula, il piano di riordino sanitario che potrebbe portare non pochi malumori tra i banchi del centrosinistra: “Abbiamo ritenuto – ha detto Mazzarano – che la battaglia nei confronti del ministero vada ricondotta sul vero fronte: l’assenza atavica di personale. Noi siamo qualche decina di migliaia di unità lavorative sotto il rispetto dei livelli essenziali di assistenza, per cui avere un reparto in più o in meno senza avere il personale nelle corsie francamente non serve a niente”.

Quanto alla vicenda di Acquedotto pugliese, non interessano le nomine quanto più “la mission che – ha spiegato Mazzarano – dev’essere legata anche alle scelte manageriali che poi si fanno”. Per tutte queste vicende, il presidente del gruppo, ha sollecitato un confronto con tutti gli esponenti del Pd a tutti i livelli.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*