Pug, disco verde da parte della Regione Puglia

minerva

BARI- Il comune di Lecce, ha presentato nelle scorse ore a Bari l’elaborazione della parte strutturale del piano urbanistico generale. Alla conferenza di copianificazione erano presenti, l’assessore regionale all’urbanistica Anna Maria Curcuruto e i dirigenti del ramo. Per il comune di Lecce, l’assessore all’urbanistica Severo Martini, la dirigente greco, l’architetto Maniglio, lo staff di architetti del comune di Lecce ed il consulente, il professor Pierluigi Portaluri.
Nella prima fase, il confronto sulle scelte che il comune di Lecce sta compiendo.Da parte della regione puglia la condivisione dell’impostazione della parte strutturale del piano, quella che contiene le cosiddette invarianti, il telaio delle scelte di pianificazione urbanistica che non potranno più essere mutate, anche quando si passerà alla seconda parte del piano.

Soddisfatto l’assessore Martini “grazie al buon esito di quest’incontro prevediamo tempi stretti. Lo stesso assessore regionale ha parlato di una pianificazione così avanzata, tanto da definirla sperimentale”

“In questo modo – per il consulente Portaluri – si assicura la cosiddetta perequazione attraverso la quale si azzererà il rischio di speculazione edilizia. Non solo , si eviterà che i cittadini debbano pagare tasse su suoli che astrattamente sono edificatori, ma in realtà non lo sono. Infine, non si stabiliranno subito le aree toccate da trasformazioni territoriali, queste verranno realizzate dall’incontro tra l’interesse pubblico e quello privato del momento. Vantaggi realizzabili grazie alle tecniche contenute nella legge regionale 20, scritta dallo stesso Portaluri. Prossimo incontro formale dopo l’adozione del piano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*