Xylella, un anno oltre l’emergenza: le 5 certezze da cui ripartire

LECCE (di T.C.)- Nel 2016, spetterà ai salentini rimboccarsi le maniche e ridare alla terra l’equilibrio necessario per provare a frenare l’avanzata del disseccamento rapido dell’olivo. Questa è la prima certezza, che fa il paio con la seconda: gli ulivi non potranno essere abbattuti, né di forza né di propria volontà per causa della Xylella, dopo la convalida del sequestro da parte del gip Alcide Maritati, lunedì scorso.
Nel mare magnum delle ipotesi su batterio sì, no o forse; nel clima avvelenato di un dibattito pubblico in cui, per ormai due anni, più del confronto si è optato per lo screditarsi a vicenda; nel post stato di emergenza, revocato con due mesi di anticipo, gli interrogativi restano tutti. Ma c’è anche qualche certezza. Dunque, ora che si fa? Due giorni fa, il Ministero delle Politiche agricole ha scritto alla Regione per porre la domanda.

Di sicuro c’è che dovrà essere ripensato l’approccio al problema: ed è questa la terza certezza da cui ripartire nel 2016. Perché le indagini portate avanti dalla Procura si poggiano su un assunto, avallato anche dal gip: la sola presenza del patogeno da quarantena non può giustificare l’estirpazione delle piante, men che meno se si tratta di ulivi. E interventi così massicci, compreso l’uso di pesticidi, come previsti dai Piani Silletti, non possono essere applicati senza prima aver effettuato una valutazione dei relativi impatti.

Dunque, come si procede? Non si potrà più puntare sull’eradicazione del batterio, ormai insediatosi da troppo tempo, ma sulla convivenza, rendendo più forti gli ulivi, ridando fertilità a campi resi sterili dall’abuso di fitofarmaci, ritornando a potare con cura. A dare indicazioni più precise dovranno essere i tecnici, quelli convocati nella task force multidisciplinare della Regione, che dovrà iniziare a correre rendendo più complessa l’alternativa ai tagli.

Ma non potranno e non dovranno essere solo loro: dovrà essere recuperato il “sapere contadino” finora messo da parte. E questa è la quarta certezza del nuovo anno sulla questione. Per millenni la cura dell’oliveto è toccata agli agricoltori, che hanno accumulato una quantità immensa di conoscenze, fondate su osservazioni ripetute nel tempo. Come insegna l’esperienza di un genetista di fama mondiale come Salvatore Ceccarelli, si tratta di un sapere soprattutto orale e informale, ignorato dalla scienza moderna.
Anche nel caso dell’emergenza Xylella il copione si è ripetuto, pari pari, arrivando a bollare come “stregoneria” la pratica tradizionale.

Forse non basterà; forse dovrà essere integrata; forse, più semplicemente, si dovrà insistere e si dovranno recuperare decenni di incoltura per riequilibrare l’intero sistema dell’oliveto salentino e dare risposte. Ma la dimenticanza ha dato nel frattempo una lezione: con l’indifferenza gli ulivi sono destinati di sicuro a morire, al pari di un abbattimento. E questa è la quinta certezza da cui ricominciare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*