Xylella, i test di patogenicità nelle serre bucate

doc cantina salice

LECCE (di Tiziana Colluto)-   I test di patogenicità condotti dal Cnr di Bari su Xylella, vale a dire gli esperimenti essenziali per capire se è il batterio a far seccare gli ulivi, si sono svolti all’interno di serre bucate. E rischiano, dunque, di essere inficiati. Tra l’altro, sono iniziati cinque mesi prima di ricevere la necessaria autorizzazione.
È uno dei dettagli più gravi ad emergere dal decreto di sequestro degli ulivi destinati all’abbattimento disposto venerdì dalla Procura di Lecce e in attesa di convalida dal gip Alcide Maritati entro fine anno.  Il 5 novembre scorso, la polizia giudiziaria ha effettuato un sopralluogo assieme al consulente tecnico Francesco Ranaldi, per verificare lo stato di avanzamento dei lavori. “Può sin d’ora rilevarsi – è scritto nel provvedimento – che la rete della serra presentava una grossa fessura che ne permette il contatto diretto con l’esterno e che pertanto non è garantito l’isolamento totale delle piante in essa allocate per la sperimentazione”.

La serra si trova in località Li Foggi, a Gallipoli, all’interno del vivaio forestale dell’Arif, uno dei luoghi in cui vengono svolti i test, oltre agli ambienti del Dipartimento di Bari e a quelli in campo aperto.

Lì, a Li Foggi, sono a dimora numerose piantine di varie specie su cui Xylella è stata veicolata mediante infezione naturale da parte del vettore e inoculo artificiale del batterio. Quelle prove, però, come emerso dalla documentazione fornita, sono iniziate a partire dal 4 luglio 2014, mentre il Cnr è entrato in possesso della necessaria autorizzazione alla detenzione e manipolazione del patogeno da parte del Servizio fitosanitario nazionale solo il 16 dicembre 2014. Anche per questo quei test, ancora in corso, potrebbero essere invalidati.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*