La famiglia di Mattia: “Schiacciati dalle difficoltà ma non molliamo”. L’Italia si mobilita

CALIMERA- La storia di Mattia, l’umiltà e la forza della sua famiglia, avevano già emozionato tutti, quando, più volte ve l’abbiamo raccontata. È il bellissimo bimbo di Calimera, affetto da una rara patologia genetica, costretto dalla nascita (e la sua mamma, Roberta, decise di metterlo al mondo nonostante tutto, perdendo anche il lavoro) a subire interventi alle gambine e a portare un tutore di ferro.
Roberta fu aiutata dalla onlus CuoreAmico e, negli anni, la situazione economica è peggiorata, visti i continui viaggi per curare il bambino. Facemmo in modo che Mattia riottenesse l’accompagnamento, ma prende solo 270 euro al mese di indennità di frequenza.

Le cartelle di Equitalia si sono accumulate in casa, il papà potrebbe essere costretto a chiudere l’officina, unica fonte di guadagno. Questa storia ha colpito anche Barbara Palombelli, che ha ospitato Roberta e il marito a Forum. Da allora è stata una gara di solidarietà tra gli italiani: oltre 250 mail arrivate a stretto giro ed un’impresa di autolinee abruzzese ha deciso di devolvere alla famiglia di Calimera 50 centesimi per ogni biglietto emesso fino a Natale. Roberta, con la determinazione e la dolcezza di sempre, ringrazia commossa. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*