Il centro Ilma per l’Oncologia Ambientale diventa realtà, 30mila stelle per sostenerlo

randstad 1

GALLIPOLI-  Quella che la Lilt di Lecce chiama “la sfida del Salento al cancro” ha fondamenta, pilastri, muri e inizia davvero a prendere forma in stato avanzato: è il Centro Ilma, in costruzione alle porte di Gallipoli. Il suo cuore pulsante sarà proprio l’Istituto di Ricerca per l’Oncologia Ambientale, la prima esperienza di questo tipo in Italia. Per sostenere questo sforzo, però, c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Ecco perché 30mila stelle di Natale invaderanno le piazze di tutti i comuni leccesi il prossimo 6, 7 e 8 dicembre, in occasione del tradizionale appuntamento, per la ventiquattresima edizione, della “Giornata della Speranza”.

Il Centro Ilma è il contributo della LILT di Lecce alla lotta contro il cancro, attraverso un approccio rivoluzionario, teso a sfidare la malattia proprio sul fronte più difficile, quello dell’incidenza.  “Riusciremo finalmente a dare una casa degna e d’avanguardia a tanti ricercatori che vorranno raccogliere questa sfida al cancro”, ha ripetuto il presidente Serravezza. Con gli strumenti dell’epidemiologia e delle scienze ambientali, si lavorerà per l’individuazione delle cause della malattia, la comprensione dei meccanismi d’azione e di diffusione dei diversi fattori cancerogeni, la ricerca di rimedi per rimuoverli.

“Nostro più ambizioso progetto – hanno detto dalla Lilt in mattinata in conferenza stampa – è quello di riuscire a formulare per ogni Comune del Salento un Certificato Epidemiologico e Ambientale, che fotografi lo stato di salute della popolazione e dell’ambiente in un dato territorio. Certificato da aggiornare almeno ogni 5 anni”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*