I “musulmani leccesi” contro la strage di Parigi

LECCE (di Barbara Tornese)- Molti di loro non parlano la nostra lingua, sanno esprimersi solo in inglese o meglio ancora in francese, vengono accolti nei locali della Caritas di Lecce o vivono in case affollate. Altri, sono in città da diversi anni, parlano un italiano comprensibile ed hanno aperto attività commerciali, per lo più Kebab, macellerie e piccoli supermercati.

Sono i musulmani che vivono a Lecce. Hanno raggiunto la nostra terra dal Pakistan, dallo shri Lanka, dal Senegal, dal Ghana e anche dalla Germania. Il loro punto di ritrovo è la moschea in via Livio Tempesta, dove ogni giorno si recano per pregare. Quello dell’Integrazione è un concetto ancora lontano. La maggior parte di loro non ha un lavoro stabile.  Eppure, si stima che siano circa 5mila i musulmani in città.

Intervistati sui fatti di Parigi, condannano gli atti terroristici dello scorso venerdì in cui hanno perso la vita oltre 120 innocenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*