Diede fuoco alla compagna, condannato a 7 anni e 4 mesi

NARDO’- 7 anni e 4 mesi di reclusione è la condanna inflitta ad Alberto Antico, l’uomo di Nardò che diede fuoco alla sua compagna. La donna rischiò di morire dopo che lui le gettò addosso dell’alcol e poi appiccò il fuoco con un accendino. Ora Antico, giudicato con rito abbreviato, è stato condannato dal gup Giovanni Gallo per tentato omicidio e maltrattamenti.
Gli è stata riconosciuta un’attenuante, perché lui stesso, mentre la donna veniva divorate dalle fiamme, la trascinò sotto la doccia per spegnere il fuoco e poi chiamò i soccorsi dicendo, al telefono col 118, che c’era stato un incidente domestico, che in casa era esploso un petardo. Poco più tardi, alla Polizia raccontò un’altra storia: disse che la donna era stata investita dalle fiamme mentre, utilizzando l’alcol, stava accendendo il fuoco nel camino.

Ma gli agenti del commissariato di Nardò non trovarono tracce a conferma di questa versione. Intanto la donna veniva trasportata nel centro grandi ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi, per le gravissime ferite al viso e al corpo. Quando la vittima fu di nuovo in grado di parlare, raccontò tutto e disse che quel gesto di violenza disumana era solo il culmine di anni di abusi. Ad una settimana dall’accaduto, Antico fu arrestato.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*