Nessuna rotazione dirigenti aree a rischio. Rotundo: “Segnalazione a Cantone”

LECCE- “ Nessuna rotazione triennale dei dirigenti delle aree a rischio. Rimane sulla carta uno degli obiettivi fondamentali della legge anticorruzione. Doverosa la segnalazione a Cantone“. Lo scrive Antonio Rotundo, presidente della decima commissione controllo a Palazzo Carafa.
“Occorre evitare la cristallizzazione degli incarichi di dirigente e di funzionario nella pubblica amministrazione; é questo uno degli obiettivi principali contenuto sia nelle direttive del Piano Nazionale Anticorruzione che nei principi della Intesa sottoscritta da Governo, Regioni ed Enti locali del 24 luglio 2013, principi ribaditi dallo stesso Raffaele Cantone, Presidente dell’ Anac, che prevedono espressamente per i dirigenti delle aree a più elevato rischio la rotazione al termine dell’incarico, la cui durata deve essere comunque contenuta, con la precisazione che la rotazione deve avvenire comunque, a prescindere dall’esito della valutazione del dirigente uscente.

Dobbiamo registrare invece che con delibera di Giunta 1064 del 26 ottobre scorso di rotazione di dirigenti neppure l’ombra, in palese violazione del lo stesso piano comunale triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017. Per queste ragioni, la segnalazione al Presidente nazionale anticorruzione Cantone della situazione nella nostra città è un atto dovuto, affinché nell’ambito delle sue competenze possa valutare quali iniziative adottare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*