Ristorante abusivo, scattano i siglli sulla Sannicola-Lido Conchiglie. La rettifica del legale

SANNICOLA- Blitz della Polizia Locale di Sannicola in un’ area sottoposta a vincolo paesaggistico, sulla S.P. 194 Sannicola-Lido ConchiglieGli agenti hanno apposto i sigilli su una struttura abusiva costituita da una tettoia in legno chiusa da vetrate di circa 200 mq, del locale “FAT BOY”. Sequestrati anche due gazebi. Tale struttura era stata adibita ad area di ristorazione nonostante l’assenza non solo di titolo abilitativo edilizio ma anche di relativa autorizzazione di pubblico esercizio.

Il  titolare del locale e i proprietari dell’immobile sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente richiesta di rettifica, giunta dall’avvocato Micola Gigante:

Oggetto: richiesta rettifica ex. art. 8 L. n. 47 del 1948

Nell’interesse della società “FAT BOY s.a.s. di Marco Marzo & CO” ed in relazione alla notizia apparsa in data 24 c.m. sul vs. sito web “trnews. it”, mi preme rappresentare alla spettabile redazione come le affermazioni relative alla assenza di autorizzazione al pubblico esercizio per l’attività, contenute nell’articolo non corrispondano alla realtà dei fatti .
In vero la società, contrariamente a quanto affermato nell’articolo, risulta in possesso di regolari licenze d’esercizio, sia per l’attività di ristorazione (tipo B), che per la diversa attività di somministrazione bevande (tipo A) e alcolici, entrambe rilasciate dagli enti preposti sin dall’anno 2004.
In considerazione di quanto innanzi, con la presente, sin’ora, si richiede la pubblicazione immediata di una smentita sull’argomento sopra richiamato e si diffida al contempo la redazione riconducibile al sito “trnews .it” a trasmettere servizi dal contenuto diffamatorio per l’attività riferibile alla mia cliente che, sin’ora, riserva ogni opportuna azione di risarcimento del danno eventualmente subito nelle opportune sedi.
Si resta in attesa di un cortese riscontro.
Cordiali saluti.

Avv. Nicola Gigante

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*