Squinzano, la storia di Giampaolo: “Fatemi curare a New York”

minerva

SQUINZANO- Giampaolo è un ragazzo di quasi 22 anni, è affetto dalla nascita da tetraparesi spastica.  Da anni, lui e la sua famiglia non si arrendono, e lottano contro una malattia terribile che necessita di continue cure. Oggi Giampaolo è migliorato molto, grazie ad un intervento effettuato nel 2000 a New York e grazie alle cure specifiche, che non con poche peripezie, è riuscito a fare proprio in america. E’ stato un medico, di Corato ha consigliare a lui ed alla sua famiglia la strada giusta. Così si sono trasferiti nel barese e lui ha potuto proseguire la sua terapia, volando ogni anno a New York. Poi, però, dopo sette anni, alle successive richieste di cure oltre oceano, la Asl ha rigettato la sua domanda. Da qui, ogni volta il ricorso ai giudici, che puntualmente hanno accolto la sua richiesta.

Giampaolo e la sua famiglia, adesso, sono tornati a Squinzano, si rivolgono alla Asl di Campi Salentina, che però rispedisce la domanda al mittente, poiché le stesse cure, per la Asl, “possono essere effettuate in italia”. Così non è, perchè qui non ci sono strutture attrezzate allo stesso modo, e perchè, alcune strutture che potrebbero accoglierlo lo farebbero dopo una lista d’attesa di un anno.

A New York, riesce ad essere seguito per otto ore al giorno, in Italia appena tre ogni settimana.Il problema è che, nell’attesa che il giudice si pronunci, Giampaolo teme di vanificare tutti gli sforzi fatti fin’ora.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*