Campagna per delegittimare l’ospedale di Galatina? Al via la raccolta firme per “blindarlo”

doc cantina salice

GALATINA- A Galatina, al via la raccolta firme per “blindare” l’ospedale Santa Caterina Novella. Il perché lo spiega il comitato sorto a sua difesa già da alcuni anni: “Con le recenti vicissitudini (chiaro riferimento al presunto uso del telefonino in sala operatoria, ndr), si ha il timore che si voglia delegittimare il ruolo dell’ospedale di Galatina nella rete ospedaliera salentina per condizionare l’opinione pubblica e chi ha potere decisionale per indirizzare la scelta verso altri nosocomi”.

A breve in Regione si dovrà decidere sull’attuazione del Decreto n. 70/2015, in base al quale si dovrà in questi 3 mesi individuare gli ospedali di base, di primo livello e di secondo livello.

“Probabilmente – spiegano dal comitato- solo grandi ospedali potranno sopravvivere , anche perchè quelli di primo livello saranno anche sede del Dipartimento di emergenza e accettazione (DEA), che richiede grandi superfici. Orbene, nel Salento non dovrebbero esserci dubbi sulla sopravvivenza dell’ospedale di Galatina, che infatti è circa tre volte piu’ grande di tutti (Fazzi a parte), non ha problemi di staticità come quello di Copertino e soprattutto è già dotato di un grande e appena allestito Pronto Soccorso, con interventi di ampliamento dello stesso già finanziati dallo Stato e cantierizzati per vari milioni di euro”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*