Task force contro l’abbandono dei rifiuti per strada: il Comune risale ai responsabili

minerva

LECCE- Continuano i controlli del Comune tesi a prevenire ed arginare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti in strada da parte delle utenze, soprattutto domestiche. 

Da poco più di una settimana, Ispettori Ambientali, Vigili e Guardie Ecologiche, su indicazione dell’Assessorato all’Ambiente guidato da Andrea Guido, hanno costituito una vera e propria task force volta ad individuare i cittadini che ancora, per un motivo o per un altro, nelle zone in cui è stato avviato il porta a porta, hanno deciso di non utilizzare il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti preferendo abbandonare i propri sacchetti di indifferenziata lungo la strada o nei luoghi che, fino a qualche settimana fa’, erano occupati dai vecchi contenitori stradali. Ma dopo l’episodio di un computer abbandonato per strada il cui proprietario è stato individuato grazie alla tracciabilità delle licenze dei software installati, lo staff dell’Assessorato si è reso conto che  è possibile risalire ai proprietari.

Aumenta, quindi, per tutti gli incivili che usano disfarsi dei propri rifiuti in questa maniera, il rischio di incorrere in sanzioni che vanno dalle 100 alle 400 euro e, in più, qualora l’abbandono dovesse essere praticato da parte di attività commerciali o aziende, anche il deferimento all’autorità giudiziaria ai sensi del 152 del 2006.

“Molti cittadini ancora non si rendono conto che il non aver ritirato il kit per raccolta, buste e pattumelle, non rappresenta una scusa, ma al contrario lascia intendere che possano non essere in regola con il pagamento della TARI. Per questo Ispettori, Vigili e Guardie – dichiara l’Assessore Guido – ogni qualvolta pizzicano qualcuno nel mentre abbandona i propri rifiuti, oltre ad elevare la sanzione, provvedono ad avviare una serie di controlli incrociati con i dati dell’Ufficio Tributi: nella maggior parte dei casi, il mio staff, riuscirà a risalire al proprietario! I principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono la presenza di sostanze considerate tossiche per l’ambiente e la non biodegradabilità di tali apparecchi, con conseguenze di inquinamento del suolo, dell’aria, dell’acqua e con ripercussioni sulla salute umana”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*