Frecciarossa Milano-Bari, Emiliano e Giannini: decisione della sola Trenitalia

doc cantina salice

BARI-  “Non c’è stata alcuna interlocuzione con la Regione Puglia che, pertanto, non ha avuto modo di rappresentare l’imprescindibile esigenza di prolungare l’uso di tali elettrotreni veloci sino a Lecce e a Taranto per evitare ancora una volta sperequazioni nei confronti di territori e popolazioni già duramente discriminati a livello di collegamenti ferroviari“. Il presidente dalla Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore ai Trasporti Giovanni Giannini hanno chiesto immediato riscontro alla dirigenza del Gruppo FS per quanto riguarda l’attivazione del treno Frecciarossa che, dal 20 settembre, farà due corse al giorno da e per Milano, collegando  Bari al capoluogo lombardo in poco più di sei ore, con un viaggio monco, che esclude il Salento. “Questa iniziativa – dicono oggi Emiliano e Giannini – è frutto di una decisione unilateralmente assunta dal gruppo delle Ferrovie dello Stato e da Trenitalia in particolare. Se davvero si vuol fare cosa utile per la Puglia, per il Mezzogiorno e per l’intero Paese, occorre accelerare il più possibile il raddoppio della dorsale adriatica nella tratta  da Termoli a Lesina – che comunque consentirebbe un recupero nei termini di tempi di percorrenza fino a Lecce e a Taranto – mentre con l’iniziativa annunciata si faranno correre due treni veloci su una linea a binario unico per oltre 30 Km, con buona pace della velocizzazione funzionale del collegamento.

Trenitalia, che peraltro gestisce un importante contratto di servizio pubblico locale sottoscritto con la nostra Regione, oltre a interloquire preventivamente col Governo regionale al fine di cogliere esigenze o suggerimenti –scrivono Emiliano e Giannini- non può non porsi oggi il problema di garantire l’efficienza del servizio soprattutto in relazione all’incremento esponenziale dei flussi turistici di quei territori garantendo, inoltre, il reale diritto alla mobilità e la ricucitura del Sud al resto d’Italia ed all’Europa”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*