Notte della Taranta, è conto alla rovescia. Ligabue: “Un onore essere qui”

MELPIGNANO- Tanta gente ad applaudire l’ospite più atteso dell’edizione 2015 della Notte della Taranta: Ligabue, seduto tra Phil Manzanera e Paul Simonon nella conferenza stampa di presentazione del Concertone, di domani sera.  Il festival, dedicato quest’anno allo storico direttore artistico Sergio Torsello, scomparso lo scorso Aprile, è giunto alla sua diciottesima edizione.

Presenti alla conferenza stampa anche Antonio Nunziante, vicepresidente della Regione Puglia , Massimo Manera, presidente della Fondazione Notte della Taranta, il sindaco di Melpignano Ivan Stomeo, il coreografo Roberto Castello, oltre a tutti gli ospiti internazionali che domani daranno vita al grande concerto per il quale sono attese oltre 150 mila persone

“La musica salentina e’ pronta a confrontarsi con la musica del mondo –dice Luigi Chiriatti, direttore artistico del festival- Sarà un’edizione straordinaria perchè Phil ha avuto grande rispetto per la musica salentina che resta comunque la protagonista”. E c’è profumo di salentinità anche nella stessa scenografia, curata dal famoso designer salentino Andrea Novembre con i suoi ragni colorati. O negli abiti dell’orchestra che quest’anno portano la firma di Augusto Romano di Meltin Pot.

Antonio Marra ed Enza Pagliara sono gli assistenti musicali salentini di Phil Manzanera, che nel presentare l’ospite d’onore ha detto: “Ligabue è il mio artista italiano preferito”.

Nel corso del Concertone, Ligabue si esibirà con nuove e originalissime versioni di “Certe Notti” e “Il Muro del suono,”  più due brani della tradizionale pizzica salentina. Uno è “Beddha ci dormi” , canzone che avrà occasione di provare domani nel backstage davanti a Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e tanti altri ospiti. Tra cui:  Serena Dandini, i fratelli Carlo ed Ennio Capasa, Domenico Procacci e Kasia Smutniak, Stefania Della Rocca, Oscar Prudente, Chiara Mastroianni, Fabio Novembre.

“I brani li ha scelti Phil -dice Ligabue- Sono onorato di partecipare a La Notte della Taranta. E’ una musica fisica, capace di smuoverti da dentro. Per me è una sfida intrigante”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*