L’appello dei cittadini per la SP Squinzano – Casalabate: “Attendiamo da 50 anni che venga messa in sicurezza”

SQUINZANO- Sulla Squinzano-Casalabate sono state spezzate già 13 vite umane, l’ultima morte risale ad agosto del 2014. Per alcuni cittadini che vivono in quella zona, la strada è insicura e anche la Provincia di Lecce ha dato loro ragione provvedendo a deliberare un allargamento. Ma non basta. L’opera, così come prevista nel progetto originario è ancora insicura. Paolo Caliandro, insieme ad alcuni cittadini, ha organizzato una raccolta firme per chiedere alcuni interventi e i dirigenti provinciali hanno risposto positivamente al loro appello: li hanno incontrati e stanno cercando di esaminare la richieste. Ora, però, i cittadini chiedono che le istituzioni facciano presto.

La prima conferenza dei servizi è saltata perché mancava il sindaco di Squinzano, Mino Miccoli, e l’ingegnere Zaccaria dello stesso comune: non era ancora pronta la documentazione necessaria. L’8 luglio ci sarà la nuova conferenza dei servizi.

Le richieste dei cittadini sono semplici: si chiede che le due rotatorie previste vengano spostate nei due punti più pericolosi e che venga installato il guardrail dall’inizio di Squinzano fino a Casalanate in polietilene: un materiale che quando c’è un impatto si deforma ma non diventa una ghigliottina come quelli in ferro. Tra le richieste anche quella di intitolare la Squinzano – Casalabate in memoria delle vittime della strada. Inoltre, i cittadini vogliono che gli alberi vengano reimpiantati nelle 6 rotatorie. Le istituzioni sembrano ben predisposte, ma bisogna lottare con le lentezze burocratiche, nel frattempo meglio essere molto prudenti su quella strada così insidiosa.

Gaetano Gorgoni

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*