Canile di Galatina, Enpa rivendica: “Nuova struttura grazie a noi”

doc cantina salice

GALATINA- L’Ente nazionale per la protezione animali rivendica il risultato di aver portato alla nascita, con le sue battaglie, del nuovo canile di Galatina. Lo fa dopo le polemiche sollevate in seguito al passaggio di consegne e alle denunce del nuovo gestore, l’associazione Anta di Massafra. Le condizioni della struttura di contrada Latronica, sotto sequestro dal 2009, sono state riprese dalle nostre telecamere, due giorni fa. “L’inadeguatezza – replicano da Enpa – è nota a tutti da anni e non per caso i cani a  metà mese saranno finalmente trasferiti in un canile idoneo. Negli anni, i nostri dirigenti Enpa hanno sempre evidenziato le criticità della struttura al Comune e tuttavia hanno continuato a prendersi cura degli animali nel miglior modo possibile”.

Enpa rispedisce al mittente le accuse di mancata pulizia, visto che gli animali sono stati trovati tra spazzatura ed escrementi. “La pulizia dei box nonché la rimozione delle deiezioni prodotte nella notte – dicono dall’ente – sono doveri del nuovo gestore proprio a partire da quella mattina”. Poi, c’è il passaggio relativo alle condizioni di salute dei cani, una parte dei quali ritrovati con addosso pulci, zecche, larve di mosche. “Ogni 15 giorni abbiamo provveduto alla disinfestazione”, dicono da Enpa.

Adesso, inizierà un altro capitolo: dopo il trasferimento dei cani più anziani e malati nel canile sanitario, gli animali, circa 200, potranno essere accolti nel nuovo rifugio di contrada San Vito ed essere affidati alle famiglie attraverso una nuova campagna di adozioni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*