CronacaPolitica

Il Sindaco di Maruggio denuncia Sabina Guzzanti: “Non siamo mafiosi”

MARUGGIO- E’ braccio di ferro, condito da parole di fuoco, tra l’attrice comica Sabina Guzzanti e il sindaco di Maruggio, Alfredo Longo, pronto a trascinarla in tribunale. L’imitatrice, via facebook, all’interno di un post poi rimosso, aveva puntato l’indice contro il primo cittadino denunciando le modalità di affidamento e di gestione del porto turistico di Campomarino di Maruggio, parlando di “politica che adotta sistemi mafiosi”.
Nel mirino della Guzzanti, megafono di una vicenda su cui hanno puntato i fari due rappresentanti locali del Movimento 5 Stelle, le condizioni di abbandono della struttura e la malagestione dell’imprenditore che avrebbe fatto valere i suoi presunti rapporti di vicinanza con gli amministratori di Maruggio.

«Un’altra storia – aveva affondato la lama Sabina Guzzanti – che ci fa capire come la politica abbia adottato sistemi mafiosi e come se ne strafotta di qualsiasi tipo di protesta, evidenza pubblica».

Pronta la replica del sindaco Longo: «Intraprenderò ogni azione atta a ripristinare la verità dei fatti e a difendere la mia dignità e l’immagine del mio territorio e della mia sana comunità – tuona il primo cittadino. Sabina Guzzanti? Provasse a informarsi o magari si limitasse a fare l’attrice perché quando si traveste da giornalista d’inchiesta dichiara falsità – continua il sindaco – tanto da doverle cancellare anche dal suo profilo pubblico di facebook ».

Sin dal mio insediamento – spiega il primo cittadino – con il supporto tecnico e operativo del Revisore dei Conti del comune, ci siamo ripiegati a studiare e mettere in ordine le carte relative al porto di Maruggio. Oltre alle irregolarità in ambito societario, in ordine alle quali ci stiamo muovendo per ripristinare l’equità, il ruolo e soprattutto la dignità dell’amministrazione comunale, ci sono quelle relative alla mancata manutenzione ordinaria e straordinaria del porto turistico e di quello peschereccio”.

In un’ottica di condivisione sto incontrando tutti gli attori coinvolti nel disagio provocato dalle inadempienze del gestore del porto; sto coinvolgendo – prosegue – tutti i soggetti preposti per legge a dare delle risposte al Comune, all’intera popolazione maruggese, ma anche ai tanti turisti. Abbiamo già svolto due consigli comunali sulla Torre Moline e siamo pronti a difendere gli interessi dell’Ente e della Comunità con qualsiasi strumento la legge ci mette a disposizione.

A Maruggio l’aria è sana – conclude il sindaco -. Non c’è puzza di mafia e sicuramente non c’è bisogno di propaganda diffamatoria e infondata. Anzi, Maruggio il 6 giugno sarà capoluogo di Legge e Giustizia grazie al progetto “Cantieri di Legalità” che vedrà proprio in quel giorno la sua conclusione con la cerimonia d’inaugurazione del Muro della Legalità alla presenza del viceministro Filippo Bubbico.

 

Articoli correlati

Bari: minacce via social a Fabio Romito, candidato sindaco del centrodestra

Redazione

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

I Ministri Valditara e Zangrillo per Adriana Poli Bortone

Sergio Costa

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore