Ex Bat, tavolo al Ministero. I sindacati: “Siamo delusi, nessuna soluzione”

BARI- Il tavolo convocato al Ministero dello Sviluppo Economico c’ è stato, ma una soluzione alla vertenza dei circa 300 lavoratori ex Bat di Lecce sembra ancora lontana.
L’azienda, BRITISH AMERICAN TOBACCOcome annunciato, non ha partecipato all’incontro e i sindacati che rappresentano i lavoratori sono delusi e insoddisfatti dalla discussione. Alla riunione erano presenti il sottosegretario al Lavoro Bellanova, il dottor Castano del Mise, la vice presidente della Provincia di Lecce Simona Manca, il sindaco di Lecce Paolo Perrone, le organizzazioni sindacali confederali nazionali e provinciali Cgil, Cisl e Uil e di categoria Fiom, Fim e Uilm, Failm Cisal e Ugl.

Il dibattito è stato lungo e animato ma le conclusioni, messe a verbale, non sono risolutive.Primo: continuare a incalzare Bat e le aziende che non hanno mantenuto gli impegni assunti. Secondo: recuperare la disponibilità degli immobili di Inser , e ancora: attivare un tavolo straordinario di ricollocazione dei lavoratori in accordo con Regione Puglia, Italia Lavoro ed Invitalia, oltre al Ministero del Lavoro, Mise e organizzazioni sindacali, infine chiedere a Bat e alle altre aziende di finanziare un’attività di ricerca di nuovi investitori.

Il tavolo verrà riconvocato entro la fine di giugno, ma nel frattempo? Le famiglie sono in ginocchio”, dicono Salvatore Giannetto, segretario generale Uil Lecce e Piero Fioretti, segretario Uilm Lecce. Bat non può far finta di nulla. Aveva rassicurato sull’affidabilità delle aziende a loro subentranti nel piano di riconversione che ormai è naufragato.

Ancora una volta vediamo tante dichiarazioni di buone intenzioni, ma, ci troviamo davanti al rinvio dei problemi, dichiarano dalla segreteria della Cgil . Il Mise non è evidentemente in grado di far sedere al tavolo né la BAT, né le aziende della riconversione.

“Il Governo non considera esaurito il suo ruolo e si assume l’impegno di fare tutto il lavoro necessario per trovare soluzioni possibili per i 262 lavoratori coinvolti, dice intanto il sottosegretario al Lavoro, Teresa Bellanova. Il Tavolo straordinario per la fine di giugno, vedrà la partecipazione dell’intera filiera istituzionale e delle parti sociali. continueremo a incalzare le aziende che non hanno mantenuto gli impegni e chiederemo alle aziende coinvolte di finanziare l’attività di ricerca di nuovi investitori”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*