Centro diurno disabili Squinzano, Cgil diffida organizzazione volontariato: “Operatori senza stipendio”

SQUINZANO-  “Operatori senza stipendio da sei mesi” . La Cgil Funzione Pubblica diffida organizzazione di volontariato e cooperativa e chiede l’intervento di Asl, Prefettura, Ambito di zona e sindaco: “Sono 11 operatori qualificati, impegnati nel Centro Diurno per disabili “Ottavo giorno” di Squinzano. Undici operatori che si occupano, con grande senso del dovere e di responsabilità, dei numerosi utenti a loro affidati e con i quali hanno stabilito un rapporto diretto di fiducia, così come con i loro genitori, indispensabile per il loro equilibrio e benessere; questo nonostante le gravissime difficoltà vissute da loro e dalle proprie famiglie. Questi operatori infatti non ricevono lo stipendio da novembre 2014”.

A denunciarlo è la Cgil, che esprime forte preoccupazione sulla situazione in cui attualmente versa il Centro Diurno, di cui è titolare l’Organizzazione di volontariato “Agape” di Cavallino ed affidato da quest’ultima, per la sola gestione, alla Cooperativa “SuperAbile”.

Il tutto è stato messo nero su bianco con una lettera di diffida. “Malgrado i nostri tentativi di giungere a un accordo tra gli operatori, tali tentativi non sono finora andati a buon fine, a causa di ripetuti rinvii” è scritto nella lettera. La FP Cgil sollecita inoltre gli Enti che leggono per conoscenza “e direttamente interessati all’invio degli utenti nel Centro in questione, ad attivarsi. In particolare al Prefetto la Fp Cgil chiede “un suo autorevole intervento per la migliore risoluzione della delicata vicenda”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*