Sondaggio Swg: primo Emiliano, seconda Poli e terzo Schittulli

BARI- Il sondaggio condotto da Swg su mandato del Pd nazionale regala l’ennesimo colpo di scena al centrodestra pugliese, proprio in una fase delicatissima, a poche ore dalla presentazione delle liste: la sorpresa è che Adriana Poli Bortone si piazza seconda dietro al candidato governatore del centrosinistra. Emiliano, infatti, resta in testa mantenendo un distacco di circa dieci punti, rispetto alla rilevazione di febbraio. Al secondo posto però questa volta non c’è più l’oncologo Francesco Schittulli sostenuto da Ncd, FdI, e i ‘ricostruttorì di Raffaele Fitto, ma l’ex sindaco di Lecce Adriana Poli Bortone, di Fratelli d’Italia, la cui candidatura è stata proposta da Forza Italia ed è sostenuta anche da Lega e Nuovo Psi ma non dal suo partito di appartenenza, Fratelli d’Italia, che appoggia invece Schittulli. La pubblicazione di queste rilevazioni desta qualche sospetto sull’improvvisa apertura di Fitto, che si è spinto fino al punto di rinunciare a tutte le pretese che avevano fatto scoppiare la guerra nel centrodestra. Secondo alcuni maligni, era a conoscenza dei sondaggi e ha cercato di correre ai ripari, rinunciando persino alla lotta per le candidature in Forza Italia. La frattura, infatti, nel centrodestra si è verificata dopo il rifiuto di Vitali di candidare un rappresentante fittiano per ogni provincia nella lista forzista.

Il sondaggio è inquietante per i sostenitori dell’ex ministro: se il candidato unico del centrodestra è l’ex presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli, Emiliano si attesta tra il 46 e il 50 per cento e l’oncologo tra 33 e 37 per cento. Se invece il candidato unico del centrodestra è Adriana Poli Bortone, il divario si riduce: Emiliano è sempre primo con un consenso tra il 44 e il 48 per cento, Poli Bortone è seconda con un consenso tra il 35 e il 39.

Nel caso poi il centrodestra non dovesse trovare una soluzione unitaria, Emiliano – secondo il sondaggio – rimarrebbe primo con un consenso tra il 43 e il 47 per cento, Poli Bortone seconda con un consenso tra il 20 e il 24 per cento, Schittulli terzo con un consenso tra il 15 e il 19 per cento. Per la candidata del Movimento 5 Stelle, Antonella Laricchia, il consenso è stimato tra l’11 e il 16 per cento: quindi, gli attivisti entrerebbero in Consiglio.

L’indagine (condotta dal 20 al 23 aprile) è stata realizzata mediante rilevazione con tecnica mista ovvero intervista telefonica e interviste online all’interno di un campione di 12 mila soggetti maggiorenni residenti in Puglia, stratificato per zona (provincia e ampiezza centro) età e sesso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*