Vietato entrare in Azerbaijan: nella black list anche i Cantieri Teatrali Koreja

LECCE- Una black list in piena regola di persone “non gradite”: l’Azerbaijan mette alla porta anche i Cantieri teatrali Koreja di Lecce, che nel Paese azero non possono più entrare. Nella lista nera, che reca la data del 28 novembre scorso ed è stata pubblicata sul sito ufficiale dell’ambasciata, sono riportati i nomi e cognomi di due tecnici, tre attori, del regista Salvatore Tramacere e dell’ex direttore artistico Franco Ungaro. Affiancano quelli di Milena Gabanelli, giornalista e fondatrice della trasmissione Report di Rai3, autrice di un articolo sulla “democrazia del caviale” apparso sul Corriere della sera e relativo a presunti brogli elettorali. Poi ci sono quelli di impiegati dell’Accademia delle Belle arti di Firenze, di altri giornalisti, scultori, addetti culturali. Sono tutti rei di essersi “introdotti illegalmente nel territorio della Repubblica dell’Azerbaigian”, senza visto e senza passaporto, violandone i confini statali.

“Ma è una guerra diplomatica senza base giuridiche su cui fondarsi – spiega Ungaro -. Ci vanno normalmente i turisti nel Nagorno Karabakh, perché noi avremmo dovuto chiedere il visto?”. Il nodo è tutto lì: il Nagorno è una repubblica che si è autopraclamata indipendente dall’Azerbaijan nel 1992, è al confine con l’Armenia ed è territorio conteso tra i due stati. È lì che nell’ottobre 2013 la compagnia teatrale si è recata per uno spettacolo. “E mentre stavamo entrando nel Nagorno – racconta Salvatore Tramacere – ci hanno chiamato dall’ambasciata per dirci che non potevamo recarci lì, altrimenti saremmo diventati nemici dell’Azerbaijan. Ovviamente ci siamo andati comunque, cercando di far capire che l’arte e la cultura servono ad avvicinare e a non separare i popoli”.

Per la diplomazia del Caucaso, però, non dev’essere bastato, visto che il divieto per i futuri ingressi è stato notificato poi con tanto di lettera ufficiale recapitata alla compagnia leccese e con una lista pubblicata ufficialmente sul sito dell’ambasciata in Italia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*