Marò 25 aprile, Mattarella: “L’impegno dell’italia non si è attenuato”. Latorre: “Grazie ma gioisco a metà ”

TARANTO- “Nel momento in cui celebriamo la Festa della Libertà, il mio pensiero va anche ai due fanti di Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che da oltre 3 anni attendono giustizia“, queste le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale ha tenuto a precisare  che “l’impegno dell`Italia nei loro confronti non si è attenuato”.

Immediato il ringraziamento su Facebook da parte del marò Latorre: “Pur con uno stato d’animo offuscato gioisco per questa preziosa ricorrenza anche se, nonostante il conforto derivato dal suo gradito incoraggiamento, non è per me possibile gioirne appieno”. “Nonostante la mia permanenza in Italia realizzata non certo per mia scelta -continua Latorre-, sento ancora forte l’impegno morale e professionale nei confronti di Salvatore, costretto in ambasciata tra mille interrogativi..Tutti quanti noi attendiamo il termine di quest’ingiustizia”. “Così come all’atto del suo insediamento – conclude- anche oggi esprimo esser a completa disposizione del Comandante Supremo delle Forze Armate ad un incontro. W l’Italia, WWWW gli Italiani”.

Intanto la prossima udienza in Corte Suprema a New Delhi sul ricorso presentato dai Fucilieri di Marina, per escludere dal processo che li riguarda la polizia investigativa Nia, è stata messa in calendario per martedì 28 aprile 2015.

FOTO REP MARO'

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*