La piccola Giorgia pronta a volare negli Usa

doc cantina salice

LECCE- Si porterà dietro le preghiere, i baci e l’affetto di tutto il Salento e non solo. La piccola Giorgia, insieme a mamma Elisa, che tanto ha viaggiato da quando è venuta al mondo, sta per affrontare il tragitto più lungo e che per tanto tempo la terrà dall’altra parte del mondo. Il 20 aprile partirà per Pittsburgh, negli USA.
…il 20 aprile si parte x l america…questa è la data ufficiale durante la quale saluteremo l italia, gli amici, casa e la nostra famiglia..x lasciarla..e rientrare tra forse 3 o 4 anni…chi lo sa…e pregando Dio di rientrare con Giorgia viva e che stia bene…..così DEVE essere” questo si legge nel gruppo Facebook “Aiutiamo Giorgia”, dedicato alla “Stellina di Berdon”, dal nome della sindrome, rarissima, da cui è affetta. Giorgia dovrà essere sottoposta ad un trapianto multiorgano. Un intervento, inutile dirlo, delicatissimo, ma non più rimandabile. La sua famiglia si trasferirà negli Stati Uniti per chissà quanto tempo.

“La Asl e il ministero per il volo umanitario, hanno tutti accordato la partenza affinchè Giorgia arrivata in america possa entrare in lista per il trapianto, aspettando quella telefonata per cui tremo già da ora, che ti dice di andare in ospedale perchè stanno arrivando degli organi compatibili con Giorgia … le poche persone che sono a conoscenza di questa data sono felici, mentre io -scrive mamma Elisa- non lo sono x niente…è vero che questo trapianto è una speranza..ma è anche vero che rappresenta il 65% di rischio!! e dopo aver vissuto i 2 interventi a ottobre, dopo aver visto tutte le complicanze dell ultima chirurgia..sono terrorizzata all’idea che debba affrontare qualcosa di ancora peggio….+ grande..molto molto + grande di qualsiasi altra cosa vissuta fin ora e che pochissimi al mondo riescono a superare…nessuno può immaginare cosa voglia dire il post operatorio di un trapianto così grosso..nessuno…..e poi c’è questa partenza …so come stiamo partendo ma non so come rientrerò a casa mia, nella mia città, dai nostri cari…questa è la mia Pasqua…..tra valige..preparativi..paure..tristezze e lacrime.. “.

Noi siamo con loro. Tutto il Salento è invitato a non far sentire mai sola questa coraggiosa e bellissima famiglia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*