Schittulli: “Vitali mi indigna e disgusta”. Il commissario forzista “attende”

BARI- La lunga telenovela delle regionali del centrodestra sembra non finire mai: il colpo di scena della proposta di candidatura di Adriana Poli Bortone ha scatenato la reazione piccata del professore Schittulli. “Alla luce di quanto sta avvenendo in queste ultime ore, è doveroso da parte mia esprimere l’indignazione e il disgusto per le espressioni riservatemi da chi oggi rappresenta Forza Italia in Puglia. Il rispetto della dignità della mia persona va al di là di ogni interesse politico- partitico: non si può passare, in 24 ore, dall’essere il miglior candidato a essere gravemente offeso dalla stessa persona pubblicamente.
Per me e per i pugliesi rimane incomprensibile che, per lotte interne in Forza Italia a livello nazionale, la Puglia possa essere considerata un campo di battaglia e gli elettori strumenti della stessa”. L’ormai candidato sicuro dei fittiani ribadisce che lotta per vincere e chiede liste competitive e forti. Poi, chiude il comunicato auspicando di poter riunificare il centrodestra. Intanto, Vitali, ora dopo ora, si rende conto che la candidatura della Poli sta diventando un due di picche e spiega di essere pronto a metterci la faccia. “Adriana Poli Bortone non è il nostro candidato, ancora. E’ la proposta che noi rivolgiamo agli alleati per unire la coalizione – spiega il commissario – Dopodiché, stasera o domani, quando avrà parlato Salvini e quando la Meloni avrà chiarito bene il suo concetto, valuteremo se la Poli Bortone è stata una proposta accettata dai nostri alleati”.

Luigi Vitali dice di avere altri nomi da spendere e chiarisce che sul tavolo c’è anche il suo nome, come estrema ratio: “Se avessi voluto fare il candidato avrei accettato la proposta di Berlusconi di sei mesi fa. Ho ritenuto che non fosse opportuna la mia candidatura perché c’era già un candidato in corsa”. Ora quel candidato che i berlusconiani erano pronti a sostenere è diventato il candidato di Fitto, quindi avversario, perché ha preteso che nella lista forzista fossero inseriti i fittiani e non solo i consiglieri uscenti: per questi motivi il commissario di Forza Italia è pronto a passare come un caterpillar su tutto, anche a costo di un’amara sconfitta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*