Siriani con documenti falsi, per il Riesame niente arresto: non sono terroristi

LECCE – Restano liberi i 5 siriani finiti in manette lo scorso febbraio. Il Tribunale del Riesame di Lecce ha respinto l’appello della Procura contro la loro liberazione.

I 5, sbarcati sulle coste del Salento con altri migranti, sono stati fermati dai carabinieri di Tricase. Durante le procedure di identificazione la scoperta: avevano documenti falsi. Sono scattate subito tutte le procedure di sicurezza, serratissime di questi tempi. La paura che tra i profughi possano nascondersi potenziali terroristi è più che concreta.

Durante le perizie effettuate nei giorni a seguire, sui loro cellulari sono stati trovati foto e video di guerra, immagini di armi e simboli che sembravano rimandare a guerriglieri dell’Isis. Da qui la richiesta della Procura di far emettere un’ordinanza di custodia cautelare. Ma il Riesame ha deciso di opporsi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*