Il Gallipoli rallenta la capolista

GALLIPOLI-  Il Gallipoli non la smette di sorprendere e tiene fede alla promessa della vigilia di rendere dura la vita alla capolista Andria. Jonici e baresi non si superano, la gara termina a reti inviolate con i giallorossi che sfoderano una prova di carattere e determinazione che avvicina sempre piu’ alla soglia salvezza. L’Andria ha dimostrato la sua forza, probabilmente a tratti la formazione di mister Favarin è apparsa troppo leziosa, ma è stato il Gallipoli ad avere i meriti maggiori nel confronto disputato davanti a circa 1000 spettatori. Domenica di spettacolo ancor prima del fischio d’inizio con l’incitamento dei tifosi dagli spalti. Nemmeno il tempo di sudare che Rosato è costretto ad uscire per infortunio al primo minuto. Il primo sussulto lo regala Legari con la prima conclusione del match. Subito dopo l’Andria prova a costruire ma è nuovamente il Gallipoli a rendersi insidioso con il cross di Rizzo. Ancora Legari manda messaggi minatori a Cilli dalla distanza, il portiere ingaggia un duello personale con il giocatore gallipolino.

Nella parte finale del primo tempo l’Andira spinge sull’acceleratore creando apprensione dalle parti di Gabrieli che pero’ non è mai chiamato in causa in maniera pericolosa. Nella ripresa diventa protagonista l’arbitro che espelle con un rosso diretto Rizzo. Gallipoli in dieci dal 13esimo del secondo tempo. Con un uomo in meno la squadra di Mangiapane diventa piu’ attenta, meno intraprendente e l’Andria inizia il forcing mirato al gol del vantaggio che pero’ non arriva grazie anche ad uno strepitoso Gabrieli. Nel finale il Gallipoli subisce la seconda espulsione e in nove uomini porta a casa un meritato pareggio contro la corazzata Andria che si dimostra forte si ma non tanto da avere la meglio contro la determinazione dei giallorossi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*