Cronaca

Estorsioni e attentati contro amministratori di Pulsano: 9 arresti

TARANTO- Negli ultimi due anni avrebbero terrorizzato cittadini e commercianti a Pulsano.  Nn solo. Nel mirino, stando alle indagini, erano finiti anche alcuni amministratori del comune costiero. Ma all’alba,  i carabinieri di Taranto hanno messo fine all’attività  della presunta  banda criminale arrestando 9 persone. Rispondono a vario titolo di associazione a delinquere, attentati incendiari ed esplosivi, estorsioni, spaccio di stupefacenti, rapine, detenzione illegale di armi e materiale esplodente e ricettazione. L’operazione è stata denominata No One.

Gli indagati sono accusati di essere i responsabili di attentati incendiari e dinamitardi.Tra le vittime anche il vicesindaco e un assessore di Pulsano. Contestati anche rapine ed estorsioni ai danni di commercianti e operatori turistici.

Gli arrestati sono:Anselmo Venere, 46 anni, Ermes Venere, 24 anni;Francesco Paolo Venere, 41 anni, ,Salvatore Scalone, 35 anni, Nicola Casucci, 24 anni, tutti di Pulsano;Pietro Grossi, 45 anni di San Giorgio Ionico;Pietro Zingariello, 23 anni, Antonio La Cava, 40 anni, di Monteparano; Benedetto Francesco Russo, 58 anni, di Taranto.

Le indagini, avviate nel 2013 dal Reparto operativo, coordinate dalla Procura  hanno  disarticolato un presunto gruppo criminale operante nell’area orientale, specialmente a pulsano,  responsabile di almeno 10 attentati incendiari ed esplosivi, eseguiti fra il 2013 ed il 2014 a  danno di immobili e autoveicoli di privati, amministratori locali ed un’azienda municipalizzata.

Al blitz hanno preso parte cinquanta carabinieri e l’operazione è stata sorvegliata dall’alto da un elicottero dell’arma dei Carabinieri.

Articoli correlati

Fine delle ricerche per Antonietta Arcuri, trovata morta la 76enne tarantina

Redazione

Racale, piromane colto in azione: arrestato

Redazione

ZES, preoccupazioni di Confindustria

Redazione

Movida e sicurezza estiva, vertice in prefettura

Redazione

Abbattuto il “bagolaro” di Specchia. Per salvarlo erano state raccolte oltre 22mila firme

Redazione

Precipita dalla scogliera, salvata una ventenne

Antonio Greco