6.2 C
Lecce
08 Dicembre 2023
Politica

Lo scontro Fitto-Berlusconi si sposta sui bilanci di F.I. e dell’ex Pdl

BARI- Se in prima battuta il neo nominato Vitali polemicamente ha sollevato l’interrogativo sul perché le casse pugliesi risultassero vuote, e con debiti di circa 50mila euro e lo sfratto della sede, in un secondo atto ha denunciato che il 90% dei parlamentari e dei consiglieri regionali non avrebbero onorato l’impegno del contributo mensile al partito. Dichiarazione, questa, che non solo ha prodotto la polemica risposta della delegazione pugliese, dal 2008 sempre versato al PdL e nel 2013 una sostanziosa elargizione una tantum regolarmente onorata così come i regionali hanno mantenuto sedi e dipendenti delle federazioni provinciali, ma aprirà a breve una forte polemica nazionale sull’uso del denaro prima nel PdL e poi in Forza Italia, e su come siano stati redistribuiti i rimborsi elettorali. Dalla battaglia politica a quella contabile per non abbassare i toni ma forse spostare la polemica dalla Puglia, Regione da qui a tre mesi impegnata per le elezioni regionali, a Roma ed Arcore per la gestione economica finanziaria del partito nazionale.

Quasi a rassicurare il candidato Schittulli appellatosi a Fitto come garante della possibile vittoria e gli stessi consiglieri regionali divisi, ma uniti, nel timore di estromissioni o drammatiche nuove crepe potenzialmente responsabili di un’ipotetica sconfitta elettorale.

Related posts

Via Silvio Pellico, Salvemini: “in attesa della sentenza del Tar, vigileremo sul cantiere”

Redazione

Emiliano lancia bordate a sinistra e sfiducia Vendola

Redazione

Francavilla 2014, il Prc dice no al laboratorio. Nuovo inno per il Mas

Redazione