Accorpamento piccoli Comuni: il prefetto chiama i sindaci. “Analizziamo i problemi”

LECCE-  Il prefetto di Lecce interviene in merito alla richiesta di ritirare la lettera-diffida inviata ai 40 comuni della provincia di Lecce che, per effetto di una legge del 2010, contando meno di 5mila abitanti, devono accorparsi in unioni di comuni. Frutto della spending review, perché così, secondo il governo, si risparmierebbe più di un miliardo e mezzo di euro sui costi di gestione di ogni singolo comune.

Ha convocato tutti i sindaci interessati, poiché al momento sembra regnare il caos e si devono analizzare le problematiche che gli amministratori stanno incontrando.  I piccoli Comuni leccesi dovranno unirsi in 14 unioni. Per ognuna di esse, ci sarà un unico servizio di protezione civile, servizi interni unificati, così come pure i servizi sociali, il catasto, i servizi scolastici e la polizia municipale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*