Ulivi, il commissario Silletti ha pieni poteri e sarà affiancato da 5 tecnici

ROMA- Da oggi avrà pieni poteri il commissario straordinario chiamato a gestire lo stato di emergenza proclamato martedì per gli ulivi salentini. È Giuseppe Silletti, comandante regionale del Corpo forestale dello stato e presentato in mattinata in conferenza stampa a Roma dal ministro Maurizio Martina, dal capo della protezione civile Franco Gabrielli, dal Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e dall’assessore regionale al ramo Fabrizio Nardoni. Silletti sarà affiancato da una commissione tecnica di 5 persone e ha già in mano la scaletta di percorsi e scadenze prefissate. La prima tappa sarà martedì, quando è fissata la riunione con il prefetto Gabrielli.

Le linee di azione sono già stabilite nel decreto approvato e prevedono attività da attuare soprattutto nelle aree del cordone fitosanitario, nella fascia cuscinetto e di eradicazione. Poi, ci sarà la quantificazione del danno, una ricognizione che spetterà al commissario fare. Sarà lui, ancora, a disporre la distruzione delle piante bloccate nei 150 vivai leccesi, considerate ospiti benché sane.

Per il capo della protezione civile Gabrielli è da questo momento che è partita la prima vera attività che riguarda la lotta alla Xylella. “Poi, se ci saranno le necessità – spiega Nardoni – il governo dovrà assumere iniziative per sostenere il comparto agricolo anche in altro modo. Questo comunque non è problema affrontabile politicamente ma tecnicamente, anzi – afferma l’assessore – la politica dovrebbe mettersi da parte. L’individuazione oggi di un soggetto che rappresenta una forza militare ma anche un tecnico non poteva essere che la soluzione migliore”.

Dunque, si parte. E il territorio aspetta il primo confronto con Silletti, anche in seno al tavolo tecnico insediatosi in Provincia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*