Torre Veneri, Lbc: “Bonifiche grazie a noi. Il sito è per definizione inquinato”

LECCE-“Senza il nostro esposto, lo Stato Maggiore dell’Esercito non avrebbe mai avviato le bonifiche, che invece, dopo 50 anni di esercitazioni, sono arrivate”. Lecce Bene Comune rivendica i risultati a cui ha portato l’inchiesta della Procura sul poligono di Torre Veneri. Non ritiene l’archiviazione del fascicolo una sconfitta, ma, anzi, ribadisce che senza quelle denunce il problema avrebbe continuato a passare inosservato. Per il gruppo, però, l’affermazione del procuratore capo Cataldo Motta sul fatto che quel poligono sia “uno dei posti più puliti d’Italia” solleva qualche dubbio: “Il fatto che esista un piano di caratterizzazione – ha detto Gabriele Molendini – vuole dire le concentrazioni di inquinanti superano le soglie di legge”.

L’Esercito si impegnerà non solo a ripulire le aree a terra dopo ogni esercitazione a fuoco, cosa che da protocollo doveva già essere fatta, ma, ogni sei mesi, procederà con la bonifica anche sul fondale marino.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*