M5S, ecco i 12 candidati alla presidenza: due leccesi, due tarantini e nessun brindisino

LECCE- Il Movimento 5 Stelle si prepara alla corsa per le regionali: superato il primo step relativo alla scelta dei consiglieri regionali, c’è da fare un’attenta selezione per individuare il nome del candidato alla presidenza della Regione Puglia.
Il programma punta su sanità, rifiuti, ambiente e agricoltura con sguardo molto critico rispetto a Vendola ed Emiliano. I nomi dei 12 candidati sono già stati pubblicati. In corsa due leccesi: Sonia Rizzello, sostenuta dal meetup di Galatone, che ha avuto un atteggiamento sempre molto critico verso i parlamentari salentini, e Carlo Toma, sostenuto dal meetup di Maglie. Nessun brindisino con corsa, ma ci sono due tarantini: Antonella Galeone e Carlo Pizzoni.

In campo cinque baresi: Antonella Laricchia 27 enne laureanda in architettura, candidata alle europee, dove ha preso 34 mila voti, Mario Conca, imprenditore, Giuseppe Cannito, Viviana Guarini e Cosimo Albanese. Per la Bat c’è Nunies Paolo, consulente informatico. A Foggia sono in due a gareggiare: D’Errico Vincenzo e Lariccia Luigi. Qualche attivista ha polemizzato sul passo indietro di Cristian Casili: per i maligni si è trattato di garantirsi con questa mossa l’elezione al Consiglio regionale, perché il candidato governatore, se il partito arriva terzo, non entra in Consiglio. Per l’agronomo Casili solo malignità: “Mi sono confrontato con il mio meetup – spiega – e abbiamo preso insieme la decisione di non correre, quindi nessuna scelta personale”. Vitiello e Casili sono supportati dai parlamentari e, secondo alcune indiscrezioni, questo gruppo potrebbe puntare su Laricchia, Conca e Nunies. Come sempre, prima del voto on-line ci sarà una graticola regionale da superare, ovvero le ficcanti domande e indagini degli attivisti sui candidati in campo. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*