Porto Cesareo, esplosa bombola di gas: ustionati due turisti

PORTO CESAREO-  L’esplosione improvvisa di una bombola di gas ha sorpreso la coppia di coniugi all’alba poco dopo il risveglio. È bastato un piccolo gesto, l’accensione di un interruttore per innescare la deflagrazione, violentissima. Una piccola perdita per rendere saturi gli ambienti. Il gas ha avuto tutta la notte per invadere ogni angolo. Marito e moglie di Sulmona, arrivati da qualche giorno a porto cesareo per una breve vacanza , sono stati investiti in pieno anche dalle fiamme che si sono sviluppate subito dopo. Hanno ustioni di secondo e terzo grado su tutto il corpo e la prognosi è riservata. Ora sono ricoverati nel centro grandi ustionati di brindisi sono stretto controllo medico. 

La loro breve vacanza si è conclusa nel peggiore dei modi. La coppia abruzzese, era ospitata nell’ appartamento di via Zuccaro a Porto Cesareo, a poche centinaia di metri dal mare. La sera, Angelo D’Amato di 73 anni e Giuseppina Gaffoglio di 76 avevano assistito all’accensione della Focara a Novoli. Poco prima delle sette il boato. La bombola era nel cucinino. I due sono rimasti coscienti, per fortuna, per questo si sono salvati.

Parte del solaio, del pavimento, e dei muri sono crollati. I danni sono ingenti, anche all’appartamento sottostante e la struttura è inagibile. All’alba la corsa in ospedale, prima a Copertino per le primissime cure, poi il trasferimento a brindisi nel centro specializzato nella cura degli ustionati.

Vigili del fuoco hanno lavorato tutta la mattina per mettere la zona in sicurezza e per ricostruire quanto accaduto. I carabinieri di Campi Salentina stanno conducendo le indagini a 360 gradi per capire cosa abbia provocato esattamente l’esplosione e se vi siano responsabilità.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*