Operazione Eclisse, annullata accusa per istigazione al suicidio

LECCE- Il Tribunale del Riesame ha annullato l’accusa di istigazione al suicidio per la morte di Luca Rollo, il giovane di Cavallino trovato un anno fa, a carico di Adriano Barbetta , Salvatore Tarantino , Gioele Greco, Daniele De Matteis e Yuri Zecca.
Secondo gli investigatori, per un debito di droga di 20mila euro, Rollo era diventato un perseguitato, vessato, costretto persino ad intestarsi le schede telefoniche del clan. Una situazione questa, che per gli inquirenti, l’aveva portato all’esasperazione. Da qui il folle gesto: quello di farla finita impiccandosi nelle campagne alla periferia del suo paese.

Per ora quindi l’accusa di istigazione al suicidio viene meno, sempre se il pm Guglielmo Cataldi non decida di presentare Appello contro la decisione del Riesame.

Restano in piedi invece le altre accuse, circa attentati dinamitardi, incendi, pistolettate, ferimenti: l’esplosione di colpi di arma da fuoco all’indirizzo di Davide VADACCA presso il centro sportivo “OUTLINE” , il ferimento di Alessio BELLANOVA, gli spari al Bellini Caffè”, al negozio “Good Look” al “Caffè Carletto”, la bomba al “Bar Paisiello” , la pizzeria “La diavola” , il negozio “ARTIGIANI PER CASO” in via Imperatore Adriano 6, il negozio “GLI ELETTRICI” in via Duca d’Aosta , l’incendio al furgone di panini di piazza Libertini, le pistolettate in via Verona.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*