Xylella: la politica litiga, il Salento fa il funerale agli ulivi

LECCE-  La Xylella Fastidiosa è lì nelle pieghe degli ulivi e pronta a propagarsi ancora. Si apetta il commissario che deciderà cosa fare, si combatte di certo contro l’eradicazione. E la politica, in piena campagna elettorale, litiga sulla testa dei patriarchi verdi del Salento. 

Mercoledì una delegazione del Pd di Lecce ha incontrato a Bruxelles i dirigenti della direzione generale Sanità della Commissione Europea e l’europarlamentare Giovanni La Via presidente della commissione Ambiente e Sanità pubblica del Parlamento europeo.  “I dirigenti hanno assicurato il loro impegno a sostenere di un apposito finanziamento per una call di ricerca al fine di capire e sconfiggere un batterio che mai si era manifestato in queste forme e con questa violenza verso le piante di ulivo”, aggiungono. Si è dato ulteriore impulso alla richiesta di una variazione del bilancio 2015 dell’Europa di 751 mila euro, per implementare un monitoraggio serio ed approfondito delle zone colpite dal batterio”.

L’assessore all’agricoltura della Regione Puglia, Nardoni, aveva risposto «Sono contento che finalmente anche i nostri parlamentari europei del Pd vogliano darci una mano, ma spero solo che questa disponibilità non sia legata al momento elettorale».

Il consigliere regionale di Forza Italia, Erio Congedo chiedo alla Giunta regionale di intervenire individuando a stretto giro la più opportuna forma di ristoro per i vivaisti, stretti dalla morsa della crisi a causa dell’emergenza Xylella: la situazione è disperata, gli operatori sono esasperati e le aziende in ginocchio. “Non si può davvero perdere altro tempo” esorta. Intanto nel Salento si fa il funerale agli ulivi colpiti.

Le campane suonano a morto in un paese che potrebbe essere un qualunque comune salentino; un uomo cammina per le strade diretto a casa di un amico che sta codendo con l’olio di oliva una frisa. Arrivato, gli dà la tragica notizia e parte un corteo funebre, diretto in campagna. Il prete incensa il maestoso tronco: il defunto per cui si piange è un gigante buono, uno degli ulivi colpito dal batterio che uccide, la Xylella Fastidiosa.

Il corto è di “Io Rec” di Tiggiano. Regia, riprese e montaggio sono di Michele Rizzo e Antonio Scarcella. “La curia di Ugento ci aveva commissionato un documentario -spiega Michele Rizzo- ma abbiamo pensato a qualcosa di più forte, che facesse più presa sul pubblico di un semplice documentario”. Così è nata l’idea per il corto “Xylella, il cancro degli ulivi”, che di sicuro ha colto nel segno e sta facendo il giro del web.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*