Darsena di San Cataldo estate 2015: chiusa per lavori e dipendenti a rischio stipendio

SAN CATALDO- Ufficialmente chiusa dall’8 ottobre, la darsena di San Cataldo potrebbe riaprire, forse, solo nell’estate 2016. A gestire di fatto i posti barca la Cooperativa Leuca Finis Terrae che subentra alla Colaci Mare dopo alcune gestioni provvisorie e, vincendo regolare gara, dal Luglio 2014 è in cogestione con il Comune di Lecce.

Una darsena, quella di San Cataldo, resa poco praticabile per il fondale divenuto di soli 90 cm. rispetto ai normali 3 mt. Causa,questa, che inibisce l’attracco di medie imbarcazioni ledendo l’economia della stessa struttura. L’handicap è determinato dal non deflusso, con relativo accumulo sul fondale, di grossi quantitativi di alghe grazie ad un’opera abusiva, realizzata da ignoti ed esterna al porticciolo, che ferma le correnti del mare.

L’8 ottobre chiusa per inagibilità ma lavori ancora non partiti, per la presenza di imbarcazioni che l’ufficio dell’amministrazione del patrimonio coattivamente toglierà dalle acque entro novembre, se i diportisti non lo faranno spontaneamente cosi da poter iniziare la ristrutturazione, e gli adeguamenti, utilizzando il finanziamento regionale di circa 2 milioni di euro.

La polemica aperta nei riguardi della Cooperativa Finis Terrae, da parte di alcuni titolari di imbarcazioni, prende luce quando questa, di concerto con l’amministrazione comunale, chiede il pagamento del canone posto barca pero contestato dai diportisti per l’assenza di servizi tanto da indurre il Comune di Lecce ad effettuare il taglio del 50%, rispetto a quanto previsto per gli anni contestati.

La richiesta di rispettare delle regole, e relativi costi, alla base delle volontà della Cooperativa malgrado il fatto che, il rifiuto del pagamento e l’assenza dei servizi, non abbiano comunque indotto i contestatori ad abbandonare la darsena. Per i prossimi mesi la risposta all’interrogativo, su quando potranno realmente terminare i lavori per la ristrutturazione del porticciolo di San Cataldo, sarà necessario per comprendere per quanto tempo potrebbe esser a rischio lo stipendio dei cinque dipendenti che, se maggiori di 50 anni, fruiranno del contributo di disoccupazione per soli 12 mesi ma se più giovani questo sara soltanto per 6.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*