Venditore opera al posto del medico, la Procura avvia l’inchiesta. Ordine dei medici contro la Asl

COPERTINO- Un fascicolo aperto in Procura per esercizio abusivo della professione, una convocazione dall’Ordine dei medici e l’indagine interna della Asl di Lecce. Ci si muove in blocco dopo il video shock girato nella sala operatoria dell’ospedale di Copertino e diffuso domenica sera dalla trasmissione Report di Rai3.

S’innesca anche la polemica. Luigi Pepe, presidente dell’Ordine, bacchetta il direttore Asl Valdo Mellone: “Ho appreso con molto disappunto il fatto che già il 22 aprile fosse a conoscenza dell’accaduto, avendo ricevuto notizia dall’azienda fornitrice di peacemaker di quanto accaduto, tanto da aver portato al licenziamento del dipendente Fabio Tridici. Credo che già all’epoca e non oggi Mellone dovesse segnalare alla Procura una vicenda così grave”.

La segnalazione, invece, è partita da via Miglietta dopo la messa in onda del filmato in cui si dimostra che il 18 novembre 2013 a metter mano sul paziente per posizionare un dispositivo biventricolare, durante un delicatissimo intervento al cuore, sia stato il rappresentante della Boston Scientific, con accanto il cardiologo Michele Mezio Galluccio, in pensione dal 29 settembre scorso.

La posizione di entrambi, ora, è al vaglio della Procura. Mezio Galluccio è difeso dall’avvocato Giuseppe Bonsegna, Tridici dall’avvocato Luigi Corvaglia.

Le bocche al momento restano cucite, ma l’inchiesta potrebbe allargarsi anche ad altre persone, come il resto del personale presente in sala. Al fianco del medico, infatti, era presente un’infermiera professionale di Gallipoli. Non solo, bisognerà comprendere se ci sono e quali sono le responsabilità della direzione ospedaliera e del reparto.

È quello che proverà a fare anche la Asl con la sua indagine interna. Nel frattempo, l’Ordine dei Medici ha convocato il cardiologo e il direttore sanitario dell’ospedale San Giuseppe, al fine di avviare un iter istruttorio e capire se ci sono i margini per eventuali valutazioni deontologiche.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*